La campagna del Forum a difesa della protezione speciale

Vi presentiamo strumenti pronti all’uso per garantire i diritti dei richiedenti e titolari di protezione speciale.

Per spiegare a tutte le persone, ma soprattutto a migranti e agli operatori del sistema di accoglienza e welfare come sia possibile ancora accedere alla protezione speciale, nonostante il Decreto Piantedosi.  Perché far accrescere la consapevolezza di un diritto occorre far sì che questo diritto continui ad esistere. Dunque, renderlo, come tale, esigibile.

Per queste ragioni, Per Cambiare l’Ordine delle Cose, Forum Nazionale, ha elaborato un agile vademecum per operatori e migranti e una serie di brevi pillole video per orientarsi all’interno del meccanismo di esclusione messo in campo dal Decreto.

Video esplicativi a cura degli attivisti e mediatori della rete del Forum, in arabo, francese, inglese, bangla, bambara e twi (lingue diffuse in Costa d’Avorio e Ghana) pidgin (idioma linguistico parlato da persone di origine nigeriana), infine, kurmanci (Kurdistan). Per rispondere agli attacchi del governo Meloni nei confronti delle persone migranti. Ma è proprio rendendo più difficile il ricorso alla protezione speciale che lo Stato italiano sta boicottando sé stesso. Decidendo di non garantire diritti che invece dovrebbe tutelare, in base alle convenzioni internazionali a cui l’Italia ha scelto di aderire.

Vogliamo offrire un’informazione che sia corretta, svincolata dalle retoriche propagandistiche che la destra ci consegna ogni volta che si affronta il tema delle migrazioni. Pillole video per orientarsi, quindi. Ma rendiamo disponibile anche un utile vademecum da scaricare e consultare sul nostro sito alla sezione “cassetta degli attrezzi”, con gli indirizzi utili, in base ai territori di riferimento, per segnalarci casi di protezione speciale a cui sono state applicate, da quando è entrato in vigore il Decreto. Prassi scorrette e illegittime.

Vi forniamo un utile strumento per poter segnalare la vostra esperienza e per chiedere un eventuale supporto dai giuristi e dagli operatori che, nei diversi territori, fanno parte della rete del Forum.

Ci rivolgiamo con questa Campagna ai migranti e alle migranti che hanno relazioni stabili nella città italiana in cui vivono, che in Italia hanno i componenti della propria famiglia, compresi i bambini che vanno a scuola. A chi possiede un permesso di soggiorno e ne ha chiesto il rinnovo. A chi ha intenzione di chiedere la conversione per motivi di lavoro del permesso di soggiorno; oppure aspetta una risposta dalla commissione territoriale per la domanda d’asilo. A tutti loro vogliamo che sia garantita la piena attuazione ostituzionale ed internazionale del diritto alla protezione speciale.

Questo progetto, che è uno degli strumenti della campagna Paradossi all’Italiana, è stato reso possibile grazie al finanziamento della Fondazione Migrantes e dell’Otto per Mille della Tavola Valdese.

Per le pillole video si ringrazia Matteo Calore di Zalab, Black Live Matter Roma, Yalla Study e il CSOA ex Canapificio di Caserta. Per la realizzazione grafica del vademecum si ringrazia Sara Cambi.

Scarica il vademecum.

Guarda la video pillola nella tua lingua.

Rete sportelli legali a cui rivolgersi.

Scarica la nota giuridica esplicativa della riforma.

Per informazioni:

info@percambiarelordinedellecose.eu

Compila il questionario se sei un operatore/trice legale degli sportelli di assistenza sul territorio nazionale.

 

 

 

Progetto sostenuto dalla Fondazione Migrantes con i fondi Otto per Mille della Chiesa Cattolica e con il contributo Otto per Mille della Chiesa Valdese.

Condividi post:

ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER

I più consultati

Potrebbero Interessarti
Articoli

Lamezia Terme: alcune considerazioni dopo la tappa della Road Map

Venerdì 15 marzo a Lamezia Terme, in mattinata con...

La Frontiera di Cosenza (Video e montaggio di Gianluca Palma)

Nella città calabrese, come in tante altre città italiane,...

Social Forum dell’Abitare: dal 18 al 20 aprile a Bologna per il diritto alla casa e all’abitare

Il diritto all'abitare sarà al centro di una tre...