Sostegni economici erogati dai comuni: attenzione alle discriminazioni!

Il Forum per cambiare l’ordine delle cose aderisce all’appello lanciato da Asgi contro la pratica messa in atto da alcuni Comuni, che stanno escludendo i cittadini stranieri dagli interventi straordinari deliberati dal governo

Il Forum per cambiare l’ordine delle cose aderisce all’appello lanciato da Asgi contro la pratica messa in atto da alcuni Comuni, che stanno escludendo i cittadini stranieri dagli interventi straordinari deliberati dal governo (ordinanza n.658 del 29.3.2020 pubblicata in GU il 30.3.2020) per incrementare il fondo di solidarietà comunale e contrastare le situazioni di bisogno createsi a seguito dell’emergenza.
“Gli interventi straordinari devono essere rivolti a tutti coloro che hanno subito gli effetti dell’emergenza, indipendentemente dalla nazionalità, dal titolo di soggiorno, dalla durata della permanenza precedente sul territorio”, afferma Asgi. Diverse testimonianze denunciano come invece alcuni enti locali stiano deliberato escludendo i cittadini non italiani, attraverso l’applicazione di alcuni criteri di accesso agli aiuti previsti dall’ordinanza governativa.
Questo nonostante nelle intenzioni del legislatore, e in base a criteri costituzionali, il supporto economico sia pensato per sostenere tutti coloro che hanno subito gli effetti dell’emergenza, indipendentemente dalla nazionalità, dal titolo di soggiorno, dalla durata della permanenza precedente sul territorio.

Sosteniamo con forza l’appello di Asgi, che condividiamo: è possibile leggere il testo completo qui.

Invitiamo inoltre a segnalarci eventuali cattive prassi: potete scriverci a info@percambiarelordinedellecose.eu
Gireremo le segnalazioni ad Associazione Studi Giuridici sull’Immigrazione, per fare in modo che queste misure discriminatorie vengano eliminate.

Total
36
Shares
Related Posts
Read More

LETTERA APERTA ALLE SARDINE

Mi auguro che il Movimento delle Sardine abbia la voglia di liberare idee e proposte per uscire dall’inutile dicotomia tra “accoglienza” e “respingimento” e per invitare i cittadini a immaginare un mondo più libero e giusto dove tutti i soggetti stranieri o autoctoni abbiano diritti e doveri comuni e condivisibili.
Read More

Storie di presunta solidarietà, un Patto inaccettabile

Il “nuovo patto su immigrazione ed asilo” elaborato dalla Commissione UE è stato presentato come il tentativo di provare a coniugare la sicurezza delle persone che cercano protezione con le preoccupazioni dei paesi di frontiera UE. La realtà dei fatti è che il patto impone una chiusura netta, frutto di una politica sovranista e divisa tra gli stati europei