A Brindisi un incontro pubblico sull’accoglienza

il Forum per Cambiare l’Ordine delle Cose della provincia di Brindisi e l’Assessorato ai Servizi sociali del Comune di Brindisi organizzano per mercoledì 29 gennaio 2020, alle ore 18.00, presso la Sala Conferenze di Palazzo Nervegna (via Duomo, 20), un incontro pubblico dal titolo “Un’accoglienza critica – confronto a un anno dall’approvazione dei decreti sicurezza”.

Il Forum per Cambiare l’Ordine delle Cose della provincia di Brindisi e l’Assessorato ai Servizi sociali del Comune di Brindisi organizzano per mercoledì 29 gennaio 2020, alle ore 18.00, presso la Sala Conferenze di Palazzo Nervegna (via Duomo, 20), un incontro pubblico dal titolo “Un’accoglienza critica – confronto a un anno dall’approvazione dei decreti sicurezza”.

INCONTRO PUBBLICO SUL TEMA DELL’ACCOGLIENZA
A più di un anno di distanza dall’approvazione dei decreti sicurezza si pone la necessità di approfondire le conseguenze di tali disposizioni sia dal punto di vista delle problematiche giuridiche che attraverso le testimonianze di operatori del territorio brindisino che quotidianamente si ritrovano a dover fare fronte lungaggini burocratiche e interpretazioni sempre più restrittive degli stessi decreti.

Per questo motivo il Forum per Cambiare l’Ordine delle Cose della provincia di Brindisi e l’Assessorato ai Servizi sociali del Comune di Brindisi organizzano per mercoledì 29 gennaio 2020, alle ore 18.00, presso la Sala Conferenze di Palazzo Nervegna (via Duomo, 20), un incontro pubblico dal titolo “Un’accoglienza critica – confronto a un anno dall’approvazione dei decreti sicurezza”.

Le criticità della legge riguardano principalmente le possibilità di realizzare un percorso inclusivo per gli immigrati producendo di fatto emarginazione e ghettizzazione con notevoli perplessità sul piano della tutela dei diritti delle persone.
Come ribadito dal Forum nazionale per Cambiare l’Ordine delle Cose, che si incontrerà a Roma l’8 e il 9 Febbraio per un confronto nazionale sul tema (qui il programma), si vuole concentrare l’attenzione sull’assenza di un regime di visti regolari che costringe ad uscire dal proprio paese di origine in preda a traffici, soprusi, violenze ed estorsioni. Si vuole focalizzare l’attenzione sull’appiattimento della condizione giuridica di chi vien così immesso genericamente nel canale che afferisce la protezione internazionale e che in questo anno ha visto peggiorare i servizi, dall’assistenza nella fase di richiesta asilo alle possibilità di inserimento nel tessuto socioeconomico italiano ed europeo.

Il programma dell’incontro è così strutturato: dopo i saluti dell’assessora ai Servizi sociali del Comune Isabella Lettori ci sarà l’intervento di Giovanna Cavallo, supervisore legale e coordinatrice del Forum Nazionale per Cambiare l’Ordine delle Cose. Seguiranno gli interventi dei rappresentanti di enti e associazioni che fanno parte del Forum territoriale. Modera il giornalista Salvatore Vetrugno. Durante l’incontro saranno raccolte le firme per la campagna nazionale “Io accolgo” per l’abrogazione dei decreti sicurezza.
La cittadinanza è invitata ad intervenire e partecipare.

Total
1
Shares
Related Posts
Read More

Clinica legale: contaminazione, diritto e cura sul territorio

I ricercatori e le ricercatrici della Legal Clinic on Migration and Asylum dell’Università di Roma 3 sono tra le realtà territoriali che parteciperanno alla tavola rotonda all’interno del convegno Flussi di Energia che si terrà il 9 novembre. Per presentare il loro impegno, pubblichiamo alcuni estratti di un intervento tenuto dalla professoressa Enrica Rigo al convegno sull’Impresa Sociale che si è tenuto qualche settimana fa a Trieste. L’intervento di Rigo pone l’accento su alcuni temi di fondamentale importanza se si vuole osservare il diritto dell’immigrazione da una prospettiva sociale che fa dell’interazione con la persona migrante il caposaldo della relazione, anche ribaltando, laddove necessario, alcuni paradigmi del diritto positivo.