Call to action: Non Votate Quel Patto

CLICCA QUI PER INVIARE LA MAIL

Attenzione: questo link è attivabile prevalentemente da smartphone e non sarà possibile attivarlo con tutti i client di posta. Se non riesci con il programma di invio, puoi inviare una mail copiando questo testo all’indirizzario indicato in questo link 

****

Il 10 aprile il Patto Europeo sulle Migrazioni e l’Asilo approda al Parlamento Europeo per il voto finale. Questo accordo non affronta le sfide migratorie e presenta gravi carenze che violano i diritti umani e la dignità delle persone, con la generalizzazione della detenzione e pericolosi accordi per esternalizzare le frontiere. Crediamo in una politica migratoria giusta, solidale e rispettosa del Diritto Internazionale, e dei Diritti Umani. Per questo non vogliamo che venga approvato questo Patto. 

La Rete “Road Map per il Diritto D’Asilo e la Libertà di Movimento” ha promosso una Lettera Aperta rivolta ai Parlamentari e alle Parlamentari europei che ha raccolto centinaia di adesioni. 

Ora facciamo in modo che il messaggio arrivi chiaro e forte!

Vi chiediamo di agire. La nostra voce e il nostro disaccordo devono arrivare al Parlamento Europeo affinché il Patto non venga approvato. 

Come puoi aiutare?

Diffondi questa call to action tra i tuoi contatti e sui social network per aumentare la consapevolezza su questo importante problema.

Invia un’e-mail attraverso il link in basso ai nostri eurodeputati per esprimere la tua preoccupazione e consegnare la lettera aperta.

CLICCA QUI PER INVIARE LA MAIL

Attenzione: questo link è attivabile prevalentemente da smartphone e non sarà possibile attivarlo con tutti i client di posta. Se non riesci con il programma di invio, puoi inviare una mail copiando questo testo all’indirizzario indicato in questo link 

Condividi post:

ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER

I più consultati

Potrebbero Interessarti
Articoli

Il diritto allo studio oltre ogni frontiera

Per sostenere la campagna di raccolta fondi per dare...

Meloni ha ragione. Il Decreto Flussi è un meccanismo criminale, ma la colpa è del governo.

La presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, ha presentato un...