Nato il 3 dicembre 2017 in un grande nazionale promosso a Roma, che prendeva spunto dal film di Andrea Segre ‘L’Ordine delle cose’, il Forum si è poi articolato in un coordinamento plurale e spontaneo tra decine di realtà territoriali attive in pratiche e politiche di intercultura e accoglienza. Il Manifesto creato in quell’occasione continua ad essere il nostro riferimento.
Lo scorso marzo ci siamo incontrati per la seconda volta, raccontandoci le varie esperienze che ogni realtà crea, diventando protagonista attiva di cambiamento.

Oggi decidiamo di rilanciare.
Vogliamo riattivare le azioni individuate come prioritarie dall’incontro di fine marzo, in un programma più strutturato e continuativo.
In particolare, ci proponiamo di denunciare le crisi che attraversano il mondo dell’accoglienza, con particolare riferimento ai decreti sicurezza emanati negli ultimi due anni – ma non solo-, ma anche di spostare l’attenzione dell’opinione pubblica sul diritto alla mobilità regolare e sulla sua profonda negazione compiuta dalle politiche migratorie europee.
Per continuare questo percorso vi diamo appuntamento al prossimo Forum Nazionale che avrà al centro proprio il confronto tra situazioni di crisi e strumenti di reazione delle esperienze di accoglienza in Italia.
Ci rivolgiamo prima di tutto alle tante esperienze presenti nei territori: vorremmo che il Forum crescesse dal basso, per arrivare a una voce corale che si proponga di cambiare l’ordine delle cose.