Well(c)home: una casa per stare bene

Siamo nel quartiere Montesacro, cuore del III Municipio di Roma, una zona piena di servizi e ben collegata dai mezzi pubblici. Qui dal 2014 si sperimenta con successo un modo di fare accoglienza che da spazio e valore alle relazioni e ai percorsi personali.

Un appartamento composto da cinque stanze, tre bagni e una cucina, al primo piano di un condominio.  Una casa, nel vero senso della parola: questo è Well(c)home, centro Sprar (poi Siproimi) gestito dalla cooperativa Idea Prisma. Già nel nome indica l’idea che sta alla base di quest’esperienza, e che si respira appena si varca la porta di ingresso: benvenuti a casa.

Siamo nel quartiere Montesacro, cuore del III Municipio di Roma, una zona piena di servizi e ben collegata dai mezzi pubblici. Qui dal 2014 si sperimenta con successo un modo di fare accoglienza che da spazio e valore alle relazioni e ai percorsi personali. Una scelta che si intravede in tutto, a partire dalla struttura stessa del centro, posto all’interno di un comprensorio dove vivono molte altre famiglie: non c’è separazione tra le persone, al contrario ci si incontra sul pianerottolo, si chiacchera con il portiere. Scene di vita normali, verrebbe da dire: ma spesso ai richiedenti asilo e rifugiati presenti in Italia mancano anche queste piccole azioni quotidiane, a causa della predominanza del modello di ‘accoglienza’ emergenziale, basato sui CAS (Centri accoglienza straordinari), lontani dai centri abitati e dalle infrastrutture, e pensati per grandi numeri (qui un approfondimento di Medici per i Diritti Umani sul sistema Cas).

Il centro Well(c)home si pone esattamente all’opposto: qua ci si incontra, ci si conosce, si ha tempo e spazio per sé e per gli altri. Qua si vive in autonomia, si gestisce la propria vita quotidiana, e il supporto di operatori e operatrici è, appunto, un sostegno e non una sostituzione né un mero e vuoto assistenzialismo. I numeri dell’accoglienza sono ridotti a un massimo di una quindicina di persone, per consentire un approccio inclusivo e permettere agli operatori di seguire al meglio i percorsi, con un’attenzione costante alla relazione con il territorio: è nel municipio che vengono, ad esempio, attivati tirocini formativi e prove lavoro, in attività del quartiere già conosciute a operatori e ospiti del progetto Sprar. L’attenzione alla persona ha permesso anche alcune sperimentazioni: anni fa l’appartamento ha ospitato una donna romana in emergenza abitativa, evitandole l’ingresso in una struttura più grande e spersonalizzante.

Tra gli elementi fondamentali dell’esperienza Well(c)home il responsabile Emanuele Petrella evidenzia proprio la prossimità con il territorio: una vicinanza non solo geografica, ma anche e soprattutto relazionale.  “Il fatto di poter stare dentro un territorio e poterci dialogare, tanto con gli enti istituzionali quanto con le realtà associative, i servizi, gli spazi commerciali, costruisce delle reali occasioni di inclusione e permette alle persone di sperimentarsi all’interno di una comunità”.
E’ questo forse il segreto della buona accoglienza: dare spazio alla comunità, farne parte e rinnovarla continuamente con il proprio sguardo e apporto. A ben vedere è il segreto di una buona società. Ma non è un segreto: esperienze come questa esistono e tracciano dei percorsi. Seguirli o meno è una scelta politica.

Serena Chiodo per il Forum per cambiare l’ordine delle cose.
Le fotografie provengono dalla pagina fb di Well(c)home e Coop. Idea Prisma. 

 

Total
1
Shares
Related Posts
Read More

Dal Forum di Brindisi un benvenuto alle Sardine brindisine

Il Forum 'Per Cambiare l'Ordine delle Cose' della provincia di Brindisi saluta con piacere la prima iniziativa pubblica delle Sardine brindisine, che si terrà a Francavilla Fontana domenica 22 alle ore 18 in piazza Vittorio Emanuele II. Molte associazioni e volontari della rete saranno lì con voi per rafforzare l'idea e e ribadire che il Mediterraneo in cui navighiamo in Puglia guarda a sud e che le nostre piazze, ora insieme, saranno sempre più inclusive e antifasciste.