Schiavi del ricatto. Ecco chi sono i braccianti nei campi, da Terre Libere

La ‘sanatoria’ prevista dal governo è un provvedimento parziale e complicato. Rischia di creare l’ennesimo mercato nero di contratti fittizi per ottenere un documento che dura pochi mesi. Unico aspetto positivo, l’eventuale possibilità di convertire il permesso e uscire dal vicolo cieco dell’irregolarità”. Così il giornalista Antonello Mangano evidenzia le contraddizioni e problematiche a cui potrebbe portare la misura di sanatoria previsto dal governo e inserita nel cosiddetto ‘decreto rilancio’, rilanciando sul proprio profilo Fb un articolo pubblicato su Terre Libere, in cui si mette in luce la composizione di lavoratori e lavoratrici impiegati nelle campagne, e i ricatti a cui sono da anni sottoposti.

“Il concetto chiave è quello di schiavitù moderna. La ‘catena’ dei nostri tempi è il ricatto, che coinvolge le persone più vulnerabili. Vulnerabili di per sé, per la loro situazione familiare o provenienza. Oppure perché rese vulnerabili da leggi che negano i documenti”, si legge nell’articolo.
“In un mondo normale chi vive queste situazioni andrebbe sostenuto. Invece spesso la situazione è aggravata dalle leggi. E le imprese attingono a questo bacino per sfruttare meglio”. Questa la posizione espressa da Mangano. Una posizione che condividiamo.
Condividiamo l’articolo, che si può leggere qui . 

 

 

 

Total
0
Shares
Related Posts
Read More

QUI C’È POSTO: Sparwasser diventa rifugio per l’emergenza freddo

Oltre a garantire un posto letto, Sparwasser offre pasti caldi e sostegno alle persone ospitate. “Non è semplice. Ci vogliono professionalità adeguate, una grande organizzazione logistica, oltre che risorse economiche: tutto questo senza alcun appoggio istituzionale”. Le istituzioni non si sono fatte sentire neppure a iniziativa avvenuta. Eppure il tema è all’ordine del giorno.