Diritti o profitti: ripercorri la discussione


Il 26 maggio durante il forum online Diritti o profitti? ci siamo confrontati sulla misura di regolarizzazione per i migranti irregolari presenti sul territorio nazionale prevista dal decreto legge ‘Rilancio’, diffuso dal governo il 19 maggio. Siamo partiti dalle critiche mosse al provvedimento, parziale e iniquo a causa di molteplici elementi: l’esclusione di molte categorie professionali, la temporalità della misura, la vulnerabilità intrinseca a tale provvedimento, che come le precedenti emersioni lascia spazio a truffe ai danni di lavoratori e lavoratrici.

Questa regolarizzazione non va nella direzione in cui dovrebbe: lo dicevamo prima del decreto, e lo abbiamo ribadito dopo, insieme a una quarantina di persone che si sono unite a noi il 26 maggio. Singoli attivisti e rappresentanti di realtà sparse su tutto il territorio nazionale, e impegnate nella tutela dei diritti e nel sostegno ai percorsi di autodeterminazione e inclusione. 

Il dibattito ci ha portato a individuare gli elementi particolarmente critici della misura, in modo da concentrarci su questi per provare a incidere nella discussione parlamentare e sollecitare le modifiche necessarie.

Qui è possibile leggere il verbale della discussione, e qui, o direttamente tramite il player qui sotto, ascoltare la registrazione dell’incontro.

Total
0
Shares
Related Posts
Read More

Illogico e illegittimo impedire la regolarizzazione a chi ha perso il lavoro nelle more della procedura di emersione

Va revocata la circolare con cui il Ministero dell’Interno penalizza coloro che non hanno più in corso il lavoro dichiarato per regolarizzarsi. “Se le Amministrazioni deputate al completamento delle procedure di regolarizzazione avessero tempestivamente istruito le domande, sarebbero state poche le cessazioni dei rapporti di lavoro nelle more della procedura stessa”.
Read More

LETTERA APERTA ALLE SARDINE

Mi auguro che il Movimento delle Sardine abbia la voglia di liberare idee e proposte per uscire dall’inutile dicotomia tra “accoglienza” e “respingimento” e per invitare i cittadini a immaginare un mondo più libero e giusto dove tutti i soggetti stranieri o autoctoni abbiano diritti e doveri comuni e condivisibili.